Cambio residenza

Cambio residenza

L'art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35, a partire dal 9 maggio 2012, ha introdotto nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di

  • ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE
  • ISCRIZIONE ANAGRAFICA DALL'ESTERO
  • CAMBIO DI ABITAZIONE ALL'INTERNO DEL COMUNE
  • EMIGRAZIONE ALL'ESTERO

nonché il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese.

 

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE

I cittadini dovranno rendere le dichiarazioni anagrafiche  attraverso la compilazione di moduli conformi a quelli pubblicati sul sito internet del Ministero dell'interno (e disponibili su questa pagina), compilati in tutte le parti indicate come obbligatorie.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento d'identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.

Nella dichiarazione anagrafica il richiedente in applicazione di quanto previsto dall'art 5 del DL 47/2014 dovrà dichiarare obbligatoriamente nell’apposita sezione dell’Allegato 1, il titolo sulla base del quale occupa l’alloggio, oppure dovrà presentare copia del contratto  di locazione o di altro titolo di occupazione dell’immobile.

Cittadini stranieri

Il cittadino proveniente da uno Stato estero, ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia, deve allegare la relativa documentazione, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.

Il cittadino di Stato non appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell' allegato A).

Il cittadino di Stato appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell' allegato B).

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche nei seguenti modi:

  1. direttamente all'ufficio anagrafe del Comune di Medesano in Piazza Marconi 6 negli orari di apertura al pubblico dello sportello
  2. per raccomandata, indirizzata a: Ufficio Anagrafe - Comune di Medesano - Piazza Marconi 6 - 43014 Medesano (PR)
  3. per fax al numero 0525-422710
  4. per posta elettronica, anche da una casella di posta non certificata, ai seguenti indirizzi:
    demografici@postacert.comune.medesano.pr.it
    protocollo@postacert.comune.medesano.pr.it

    L'invio di cui al punto 4 è consentito ad una delle seguenti condizioni:
  5. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  6. che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  7. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
  8. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

 

ITER PROCEDURALE

A seguito della dichiarazione resa l'Ufficiale d'Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i due giorni lavorativi successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni stesse.

Fermo restando che la decorrenza giuridica del cambio di residenza decorre sempre dalla data di presentazione della dichiarazione, entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente sarà iscritto in Anagrafe e potrà ottenere il certificato di residenza e lo stato di famiglia, limitatamente alle informazioni documentate
Nel caso di cambio di residenza con provenienza da altro Comune italiano, entro gli ulteriori e successivi 5 giorni lavorativi il Comune di provenienza dovrà provvedere alla cancellazione ed alla verifica dei dati forniti dal dichiarante. 
Da quel momento potranno essere rilasciate tutte le normali certificazioni anagrafiche. 

L'Ufficiale d'Anagrafe può, entro 45 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione, disporre accertamenti per verificare la dimora abituale e la regolarità della documentazione presentata e deve comunicare al cittadino interessato, entro lo stesso termine, l'eventuale esito negativo.

Qualora, decorso il termine suddetto, non vengano comunicati all’interessato gli eventuali requisiti mancanti o gli esiti negativi degli accertamenti svolti, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto (Art. 20 L. 241/90, silenzio-assenso).

Nel caso in cui gli accertamenti diano esito negativo, l’Ufficiale d’Anagrafe ai sensi dell’art. 10bis della Legge n. 241/1990 comunica all’interessato i requisiti mancanti o gli accertamenti negativi svolti ed egli, entro 10 giorni dal ricevimento di tale comunicazione, ha diritto di presentare per iscritto le proprie osservazioni, eventualmente corredate da documenti. La comunicazione del preavviso di rigetto interromperà i termini del procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di 10 giorni di cui sopra.

Nel caso di mancato accoglimento delle osservazioni, l’Ufficiale di Anagrafe indicherà la motivazione nel provvedimento con cui avviserà l’interessato del definitivo esito dei controlli svolti, nonché del conseguente ripristino della posizione anagrafica precedente.


CONSEGUENZE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace; inoltre l'Ufficiale d'Anagrafe effettuerà apposita segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.

 

NOTIZIE UTILI

Con l'art. 49, comma 5-ter, lett. h), della L. 11 settembre 2020, n. 120 di conversione del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 è stata introdotta un'importante modifica all'art. 94 del Codice della Strada con la quale,  l'aggiornamento della carta di circolazione (oggi Documento Unico), tramite il rilascio di un tagliando adesivo che il cittadino aveva l'obbligo di applicare sul documento di circolazione, è stato sostituito dall'obbligo di richiedere unicamente l'aggiornamento dei dati contenuti nell'Archivio Nazionale Veicoli (ANV).

Pertanto in base alla dichiarazione resa dall'interessato, al momento della presentazione della Dichiarazione di Residenza, l'Ufficio Anagrafe provvede a comunicare la variazione dei dati all'Archivio Nazionale Veicoli (ANV), ma non rilascia all'interessato nessuna attestazione da conservare.

L'interessato può chiedere notizie sull'aggiornamento della patente di guida o della carta di circolazione telefonando al numero verde 800-232323 oppure registrandosi sul sito

www.ilportaledellautomobilista.it

alla sezione cittadino.

La pratica di cambio di residenza non ha costi.

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

  • Legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 "Ordinamento delle Anagrafi della Popolazione Residente"
  • DPR 30 Maggio 1989, n. 223 "Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente"
  • DPR 28 Dicembre 2000, n. 445 "Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa"
  • Decreto Legge 9 Febbraio 2012, n. 5, convertito in Legge 4 Aprile 2012, n. 35 ”Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”
  • Articolo 5 del Decreto Legge 28 Marzo 2014, n. n. 47, convertito in Legge 23 Maggio 2014, n. 80 ”Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015
  • DPR 17 luglio 2015 n. 126 “ Regolamento recante adeguamento del regolamento anagrafico della popolazione residente, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223, alla disciplina istitutiva dell'anagrafe nazionale della popolazione residente.

Appuntamenti

Non ci sono appuntamenti da segnalare

30/11/2020Non ci sono appuntamenti da segnalare

Non ci sono appuntamenti da segnalare...

Convocazione consigli comunali in videoconferenza

30/11/2020Modalità telematica

Convocazione consigli comunali in videoconferenza...

Calendario completo
Regione Emilia Romagna Portale Parma - Il portale della provincia di Parma